Skip to main content

In questi giorni, nei tempi della digitalizzazione della scuola, si parla molto di Intelligenza Artificiale e di quello che con essa si può e non si può fare in ambito educativo. Anche se certe tecnologie iper sviluppate possono spaventare, bisogna imparare a conoscerle: così si capisce quali sono i loro lati positivi e quali quelli negativi.

intelligenza artificiale

Intelligenza artificiale a scuola: i pro

AI è un termine ampio che si riferisce a qualsiasi sistema in grado di eseguire attività che normalmente richiedono intelligenza umana, come comprendere il linguaggio, riconoscere immagini, risolvere problemi, apprendere dai dati e prendere decisioni.

I sistemi di intelligenza artificiale possono variare da semplici chatbot e assistenti vocali a complessi algoritmi e reti neurali in grado di imitare le funzioni del cervello umano. L’intelligenza artificiale funziona utilizzando i dati come input e applicando vari metodi e tecniche per elaborarli, analizzarli e apprendere.

Attraverso i dati forniti, i modelli di intelligenza artificiale possono apprendere in maniera automatica o profonda, comprendere ed elaborare un linguaggio naturale nonché percepire e tradurre le informazioni visive.

Per tutti questi motivi, l’AI può essere usata anche in ambito educativo, portando grandi benefici. Per esempio:

  • Apprendimento personalizzato: può aiutare a creare esperienze di apprendimento personalizzato per gli studenti in base alle proprie preferenze, abilità, obiettivi e progressi, nonché fornire feedback.
  • Accessibilità: può contribuire a rendere l’istruzione più accessibile e inclusiva per gli studenti con esigenze e background diversi e fornire tecnologie assistive quali la sintesi vocale, i sottotitoli, la traduzione e il riconoscimento della lingua dei segni.
  • Coinvolgimento: può aiutare ad aumentare il coinvolgimento degli studenti fornendo ambienti di apprendimento interattivi e interattivi.
  • Agevolazione burocratica: può occuparsi delle funzioni amministrative. Si stima, infatti che i docenti impieghino circa il 51% del loro tempo nella burocrazia.

intelligenza artificiale

Intelligenza artificiale nella scuola: i contro

Nonostante la grande innovazione, bisogna comunque stare attenti nell’utilizzo di queste tecnologie e imparare a conoscere e usare al meglio questi strumenti. Bandire il digitale e l’intelligenza artificiale a prescindere perché pericolosi non è la soluzione giusta e potrebbe causare più danni che altro.

Come tutto, anche l’intelligenza artificiale ha i suoi contro:

  • Conservazione e tracciamento dei dati personali: avrete sicuramente sentito del caso di Chat GPT, che è stata bandita dal Garante della Privacy;
  • Etica: l’intelligenza artificiale non è una persona, di conseguenza non ha un’etica. Può essere educata, per questo bisogna stare attenti al modo in cui viene usata;
  • Qualità: i contenuti e le risposte forniti dall’AI non sempre sono di qualità o affidabili, proprio perché manca un aspetto umano che le verifichi;

Alternative a Chat GPT

Dato che, almeno per il momento, Chat GPT non può essere consultata in Italia, vi suggeriamo altri modelli di AI che potete provare in alternativa:

  • BingChat, che fornisce anche le fonti e, a differenza di ChatGPT, è aggiornato sull’attualità;
  • Writesonic, permette di scegliere tono, lunghezza e destinazione del contenuto che gli chiedere di scrivere;
  • Chatsonic, l’alternativa gratuita più simile a ChatGPT per la creazione di testi originali.

Per altri suggerimenti, controllate qui e qui.

 

Che cosa ne pensate dell’intelligenza artificiale a scuola? Avete già provato a utilizzarli in classe?

Questo articolo è una traduzione: trovate l’originale qui.

Gestione memoria - bSmart Books
blank

Michela è Content & Social Media Editor in bSmart Labs. I social sono il suo pane quotidiano e cura la scrittura degli articoli su questo blog!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link