Skip to main content

Le iscrizioni scuole superiori 2024-25 delineano un panorama dinamico dell’istruzione italiana. Mentre il liceo rimane una scelta privilegiata, emergono nuove tendenze, come l’aumento dell’interesse per gli istituti tecnici e professionali. Analizzando i dati, si evidenziano fenomeni sorprendenti, come il successo del liceo nelle regioni centrali e meridionali e la nascita del liceo del Made in Italy. Vediamo queste informazioni da vicino.

Iscrizioni scuole superiori 2024-25, il quadro generale

Iscrizione scuole superiori

Il liceo rimane la prima scelta per il 55,6% degli studenti italiani. Di contro, aumenta l’attrattività degli istituti tecnici e professionali. I primi, infatti, registrano il 31% delle domande, un punto in più rispetto all’anno scolastico passato, mentre si mantiene stabile la richiesta per i secondi (12,7% contro il 12,1).

Rispetto al 2023-24 i licei hanno perso iscritti, con un calo di 1,5 punti. Un dato sorprendente, almeno per una narrazione che vorrebbe un Nord licealizzato e un Sud di neodiplomati pronti per andare subito a lavorare, il liceo ha riscosso grande successo nelle regioni dell’Italia centrale e meridionale. Ad esempio, in Lazio si arriva al 69,3% e in Sicilia al 60,8%.

Classico e scientifico tradizionale in crisi?

Non si arresta il trend negativo del classico, che registra un’altra flessione dal 5,8% al 5,34%. A sorprendere, però, è soprattutto il calo degli iscritti allo scientifico tradizionale. Anche se tra i licei è quello maggiormente scelto, la percentuale scende al 13,74, contro il 14,10 dello scorso anno scolastico.

Bisogna comunque considerare che lo scientifico oggi si compone di altri due indirizzi specializzati, Scienze Applicate e sportivo. Sommate queste tre declinazioni, risulta che il 25,59% dei ragazzi ha fatto domanda per il ramo scientifico.

Un buon numero di studenti ha poi optato per Scienze Umane (11%)

Istituti tecnici

Svetta Amministrazione, Finanza e Marketing che sfiora il 10%, non cresce invece il turismo (3%). Nel settore tecnologico, la prima posizione è occupata da Informatica e Telecomunicazioni (5,71%). Al professionale invece spicca Enogastronomia e ospitalità Alberghiera, oltre il 14%.

Iscrizioni scuole superiori 2024-25, e il liceo del Made in Italy?

Liceo Made in Italy

Il liceo del Made in Italy è stato istituito l’11 gennaio 2024, e una settimana dopo era già possibile presentare le prime domande di iscrizione.

Lo scopo originario del governo era quello di colmare il divario tra domanda e offerta di lavoro nei settori turistico, dell’automotive, degli arredamenti e dell’agroalimentare. Attraverso un percorso di studi strutturato e un periodo di alternanza scuola-lavoro, l’obiettivo sarebbe quello di formare giovani con competenze specifiche nelle strategie di mercato, a livello nazionale e internazionale.

Stando alle cifre riportate dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, il licceo del Made in Italy ha avuto 375 iscrizioni. Considerando una media di 25-26 alunni per classe e 114 istituti, questi numeri dovrebbero riempire all’incirca 14-15 aule scolastiche.

Modello 4+2, buona la prima?

Prima della fine del 2023 la Commissione VII del Senato ha approvato il disegno di legge governativo che riforma l’istruzione tecnico-professionale.

Il provvedimento punta a rafforzare le competenze di base in italiano, matematica e inglese, dando maggiore peso alle materie tecniche e laboratoriali, con l’intento di preparare gli studenti a un ingresso agiato nel mondo del lavoro.

La proposta include anche la collaborazione a tempo determinato con docenti esterni, provenienti dal mondo delle imprese, per colmare lacune di competenze tecniche.

Gli studenti dei percorsi quadriennali potranno accedere ai percorsi formativi degli ITS Academy e sostenere l’esame di Stato presso l’istituto professionale assegnato, costituendo dunque il modello 4+2.

Secondo il ministro Valditara “La filiera del 4+2 ha registrato un interesse significativo da parte delle famiglie”. Dopo il 10 febbraio, termine ultimo per iscriversi al prossimo anno scolastico, gli istituti tecnici e professionali di questa tipologia hanno accolto in totale 1.669 domande.

 

Come valuti questi risultati? Ci sono dati che ti sorprendono? Facci sapere cosa ne pensi commentando questo articolo.

Menu libro - bSmart Books
blank

Amante di viaggi, cinema e lettura, vedo gente, faccio cose, scrivo di tutto, sempre in movimento, in aereo o sul divano.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link