Infondere e stimolare la conoscenza nei propri studenti è fondamentale per un insegnante. Il docente è una figura imprescindibile e insostituibile, che probabilmente resterà sempre nella mente dell’alunno e il suo ricordo continuerà a influenzarlo anche ad anni di distanza.

Ecco un articolo di Medium che abbiamo selezionato e tradotto per voi.

 

L’arte di infondere la conoscenza

Se hai mai sentito dire “beata ignoranza” , allora avrai ragionato sulla necessità di ricercare la conoscenza per capire se questa espressione fosse considerata vera o valida.

A parte il fatto che la frase è incompleta, un nobile predicatore ci risponderebbe sempre che la conoscenza ci dà il potere di capire e di distinguere le ripercussioni dell’ignoranza su qualsiasi caso particolare. La conoscenza ci aiuta a comprendere se l’ignoranza sia un vantaggio o una rovina sotto mentite spoglie.

 

 

I primi educatori

La nostra conoscenza ci ha indubbiamente aiutato a raggiungere il luogo dove ci troviamo adesso. Come un potere senza tempo che non svanisce facilmente, inseguire la conoscenza deve essere il dovere più importante nella vita di tutti i giorni. Se c’è il bisogno di cercarla, allora deve esserci qualcuno che la diffonde.

I primi, veri predicatori di conoscenza con cui veniamo in contatto durante la nostra vita solitamente sono i nostri genitori. La tela bianca che ogni bambino è viene attentamente modellata e dipinta da ogni genitore, con il pieno supporto anche di tutti e quattro i nonni, in quanto questi si occupano di avere un approccio premuroso mentre guidano una mente così delicata.

La morale, i valori e l’etica insegnati da queste sei persone meravigliose sono continue e il condividere della loro saggezza rimane altamente coerente per tutta la vita. I successivi dovrebbero essere i fratelli, perché se non fossero presenti nelle nostre vite, allora saremmo certi che avremmo mai imparato bene l’essenza di “condividere significa voler bene”? (dall’originale, “sharing is caring“).

 

Perché insegnare?

Durante la nostra vita incontriamo molte menti e animi brillanti che hanno l’abilità di condividere la propria conoscenza in un modo comprensibile. Le persone spesso associano l’infondere conoscenza con una varietà di significati.

Qualcuno lo considera una falsa pretesa, legata al modo in cui la persona gli impartisce i valori o le informazioni e la etichetta come un discorso vuoto (cerca di non confondere questo con lo sproloquiare di un lontano parente), mentre qualcun altro lo considera un atto di nobiltà e apprezza la persona per aver condiviso una piccola parte della sua saggezza.

 

Insegnare e predicare

La conoscenza apre la porta verso la saggezza. Infondere la conoscenza non è solo un’arte, ma anche una scienza. Chi padroneggia questa forma d’arte crea per sé una professione altamente rispettabile diventando un maestro, un professore o un educatore.

La nostra prima forma di conoscenza proviene dalle scuole, dove i nostri insegnanti ci rendono abbastanza in grado di restare a galla nell’oceano delle opportunità d’oro. Il loro modo di infondere la conoscenza segue una complessa e sistematica combinazione tra insegnare e predicare, ovvero non modellano solo la forma delle nostre menti, ma anche dei nostri cuori.

Fornire informazioni per una migliore comprensione, unito a predicare i valori che ci guidano verso numerose e importanti rivelazioni costruisce una lunga strada che porta gli studenti a essere individui migliori.

 

 

Le virtù di un insegnante

Si dice che bisogna predicare quello in cui si crede, e praticare quello che si predica. Questa frase indica che, per un insegnante, impartire la conoscenza è un’opera di immensa responsabilità dal momento che, in teoria, lui stesso dovrebbe essere l’esempio che desidererebbe insegnare ai propri studenti.

Il lavoro di un educatore non è semplice, in realtà è piuttosto difficile. Lavorare meticolosamente ogni singolo giorno è un lodevole aspetto per ogni insegnante. Anche quando devono spiegare gli stessi concetti anno dopo anno, il loro entusiasmo verso l’insegnamento di ogni argomento non diminuisce mai.

Si tratta di un raro attributo ce non si trova mai nell’abbondanza, ovvero, la pazienza è la virtù innata che ogni insegnante ha in sé.  Se sei mai stato parte di un classe formata da compagni turbolenti ed esuberanti, allora è certo che il tuo insegnante aveva un livello di pazienza più alto della norma per reggere il gioco.

 

 

L’importanza di un’adeguata formazione precedente

Il potere di formare un cittadino globale e responsabile è nelle mani di coloro che infondono la conoscenza. Dal momento che costituiscono loro stessi un’importante parte della società, questa professione sempre attuale dà agli insegnanti la voce per aiutare i bambini a scegliere il proprio campo di interessi e a forgiarli per diventare degli individui indipendenti in futuro.

Tuttavia, c’è tanto da imparare prima. Raggiungere una conoscenza olistica è necessario prima di poter entrare ufficialmente nel mondo dell’insegnamento. I maestri e i professori hanno così tantissima conoscenza dentro di sé e la infonderanno sempre volentieri e felicemente a tutti gli studenti.

 

 

“Ti ispirano, ti intrattengono e finisci con l’imparare tonnellate di cose senza nemmeno rendertene conto”.

Nicholas Sparks, Ricordati di guardare la luna

 

 

Cosa pensate di questo articolo, vi trovate d’accordo? Vi ritrovate nella descrizione di questo profilo? Ci sono esperienze nel mondo dell’educazione che vi hanno colpito in particolare?



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap