Dal 1962 il 27 marzo è la Giornata mondiale del teatro. Per usare le parole con cui l’Istituto Internazionale del Teatro descrive i suoi obiettivi, il teatro è uno strumento per “sensibilizzare l’opinione pubblica alla presa in considerazione della creazione artistica nel campo dello sviluppo, approfondire la comprensione reciproca per partecipare al rafforzamento della pace e dell’amicizia tra i popoli”. Il teatro, dunque, è insieme un luogo di aggregazione e un’arte che può aiutarci a comprendere meglio noi stessi, gli altri e i nostri rapporti con il mondo.

Insomma, un mezzo potente per raggiungere uno scopo ambiziosissimo. Ecco perché è importante celebrarlo e cogliere la Giornata mondiale del teatro come un’occasione in più per farlo amare agli studenti!

 

Breve storia del teatro

Si potrebbe partire da una panoramica sulla nascita del teatro e i suoi sviluppi nel corso del tempo.

La “Storia del teatro” di homolaicus.com, ad esempio, espone in modo chiaro le caratteristiche fondamentali tipiche per ciascuna fase storica, dalle origini del teatro nell’antica Grecia ai giorni nostri.

Se invece state cercando dei materiali per parlare di teatro in lingua inglese, allora il video “History of Theater” di PBS Learning Media fa al caso vostro! Anche in questo caso si tratta di un excursus che tocca il teatro greco, il contributo romano e medievale, la commedia dell’arte, le opere di Shakespeare e la commedia francese del XVII secolo, per concludere con l’apporto di Henrik Ibsen e Anton Chekhov.

 

William Shakespeare: un autore per celebrare la Giornata mondiale del teatro

Non si può celebrare la Giornata mondiale del teatro se non leggendo (o, ancora meglio, guardando 🙂 ) un’opera teatrale.  Gli autori che si sono dedicati al teatro sono moltissimi, e ognuno di essi ha fornito un contributo personale unico allo sviluppo di quest’arte. È difficile quindi scegliere un solo autore in compagnia delle cui opere passare questa ricorrenza internazionale. Per quest’anno la nostra redazione ha voluto puntare su un “classico”, uno scrittore che è impossibile non citare: William Shakespeare.

Abbiamo selezionato per voi alcune risorse didattiche da utilizzare per le vostre lezioni di letteratura in italiano e in inglese.

 

Una selezione di materiali in italiano su Shakespeare

Il “WebDoc” di Rai Cultura dedicato a William Shakespeare è una fonte ricchissima di contenuti multimediali. Ci sono spiegazioni testuali, video con alcune interpretazioni di opere teatrali, interviste a critici e traduttori, un approfondimento sul rapporto  di Shakespeare con l’Italia, una galleria fotografica con i ritratti dell’autore e i dipinti ispirati alle sue opere e una sezione dedicata alle rappresentazioni in musica. Tanti materiali che aprono diversi scenari di approfondimento!

Per una lezione “originale”, vi segnaliamo anche questo simpatico video del gruppo comico Oblivion: Shakespeare in 8 minuti. Si tratta di una carrellata tutta da ridere delle scene più celebri delle opere teatrali di Shakespeare, interpretate rivisitando i testi di alcuni brani della musica italiana. Un sorriso tra i banchi ha senz’altro dei benefici anche sull’apprendimento!

 

 

Il teatro di Shakespeare in lingua originale

Se volete lavorare sull’analisi dei testi originali in inglese, il Progetto Gutenberg mette a disposizione gratuitamente una raccolta delle opere teatrali di William Shakespeare, da consultare online o da scaricare nel formato che preferite.

Il canale YouTube VideoSparkNotes offre poi una playlist dedicata ai riassunti animati – sempre in lingua inglese – delle opere di Shakespeare. Ecco, ad esempio, Re Lear:

 

 

Tempo fa vi abbiamo segnalato anche un’altra rivisitazione creativa, quella della commedia Much Ado About Nothing, “interpretata” dagli omini della Lego®. La trovate a questo link sul nostro blog!

 

Avete in programma iniziative particolari per la Giornata mondiale del teatro? La vostra scuola organizza laboratori teatrali? Portate mai i vostri studenti a degli spettacoli? Parlateci delle vostre idee e delle vostre esperienze utilizzando i commenti!



Lascia un commento